CONCORSO GELATO AL BIANCHELLO DOC: VINCE LAURA POLONI

Pesaro (PU).  Laura Poloni, della gelateria Artico di Milano, con un gelato alla crema con Bianchello del Metauro e pesche, è la vincitrice del primo concorso di gelateria dedicato al vino Bianchello del Metaruro DOC. Presentato al Festival del Gelato Artigianale,  sarà il gusto dell’estate di Pesaro, nell’anno del 150° di Rossini. Un gusto freschissimo e dissetante, capace di soddisfare sia chi è alla ricerca del gelato gastronomico, sia gli amanti delle eccellenze del territorio. Nasce il “Gelato al Bianchello del Metauro DOC” l’inconsueto quanto goloso prodotto di festival Pesaroalta qualità “made in Marche”, presentato venerdì 18 maggio al Festival del Gelato Artigianale (Pesaro, PU | 18-20 maggio 2018), da alcuni dei migliori professionisti del settore. E non poteva essere se non la città natale di Gioachino Rossini, che nel 2018 celebra i 150 anni dalla scomparsa del Cigno, a ospitare la presentazione dell’originale gusto al sapore della DOC Bianchello del Metauro che si propone di diventare simbolo delle gelaterie della provincia per la prossima estate. Un modo per sottolineare, ancora una volta, l’attitudine “buongustaia” di Rossini e di questa fetta d’Italia che tanto deve al celebre compositore ed eccelso gourmet.  A prendersi in carico ricerca, sperimentazione e assaggio del “Gelato al Bianchello del Metauro DOC” sono stati 9 gelatieri provenienti da tutto lo Stivale (Milano, Sesto San Giovanni, Roma, Gubbio, Correggio, Messina, Varese) che hanno cercato il connubio vincente tra l’alimento “re” dell’estate e una bevanda che notoriamente va a scontrarsi con le temperature troppo fredde che ostacolano la percezione olfattiva e i sapori del vino.  A trovare il giusto equilibrio è stata l’unica donna partecipante alla sfida, Laura Poloni, 32 anni, della gelateria Artico di Milano che ha presentato un gelato alla crema con Bianchello del Metauro e pesche: “L’uso delle pesche, ingrediente spesso Bianchello DOCabbinato al vino, è stata una scelta vincente e voluta per esaltare le note profumate di questo grande prodotto marchigiano”.  Il bilanciamento degli zuccheri è stata la parte più difficile della preparazione (che prevede come primo passaggio la pastorizzazione della miscela di base del gelato e come secondo la realizzazione di una classica crema pasticcera all’italiana): “Per equilibrare gli zuccheri apportati dal Bianchello ho cotto a lungo le pesche nel vino per far evaporare l’alcool e, solo alla fine, dopo aver mantecato, ho aggiunto un bicchiere di vino”.  L’iniziativa è promossa dai 9 produttori di Bianchello del Metauro DOC che hanno aderito al progetto Bianchello d’Autore sostenuto da IMT – Istituto Marchigiano Tutela Vini: Bruscia, Cignano, Claudio Morelli, “Il Conventino di Monteciccardo”, Di Sante, Fiorini, Mariotti Cesare, Terracruda, Fattoria Villa Ligi. Obiettivo delle cantine è sottolineare il valore di un “vino dal sapore autentico” e annunciare come i gusti gelato e i sorbetti realizzati con i vini stiano diventando “di tendenza” in gelateria. “Sfidiamo gli amanti del gelato e i sommelier meno categorici ad assaggiare la novità dell’estate 2018 – dicono –. Siamo certi sapranno apprezzeranno la versatilità di questo gusto per abbinamenti a piatti dolci e salati che potrebbero sembrare arditi ma che in realtà esaltano ingredienti, piatti e i sentori caratteristici della nostra grande DOC”. Le nove cantine Bianchello d'Autoreavevano già attestato il legame tra Bianchello del Metauro DOC e Rossini con una presentazione ufficiale fatta al Vinitaly 2018 e proponendo un evento, nel dicembre 2017, che ha unito musica e vino per “dare rilievo ai due amori che hanno caratterizzato e reso celebre Rossini in tutto il mondo, la musica e la sua passione culinaria, meno nota ma altrettanto geniale, nell’anno in cui Pesaro celebra il 150° anniversario dalla morte del maestro gourmand”. La DOC Bianchello del Metauro, nel 2019, compirà i suoi primi 50 anni. Traguardo importante per un vino che ha segnato la storia del territorio sin dal 207 a.C. quando, come racconta Tacito, il Bianchello del Metauro ebbe un ruolo fondamentale sull’esito della terribile battaglia del Metauro quando i romani combatterono contro l’esercito cartaginese di Asdrubale, sconfitto a causa del troppo vino – il Bianchello del Metauro, appunto – bevuto. (Alessandra Gasparini – Ufficio Stampa Omnia Comunicazione)

 

Seguici su: