GELATO E SPORT. LE PROPOSTE DEI MAESTRI

Gelato e Sport. Al recente Sigep di Rimini l’Associazione Maestri della Gelateria Italiana, con la collaborazione della  Dott.ssa Roberta De Sanctis, biologa nutrizionista, consulente dell’Associazione dei Maestri, e del Dott. Salvatore Cannavò, dirigente tecnico dei laboratori di ricerca, sviluppo e controllo qualità di aziende del settore,  ha presentato un programma ambizioso, declinato in degustazioni di nuovi gusti di gelato dedicati al mondo dello sport e  in un momento di approfondimento e di divulgazione con il convegno di lunedì 23 gennaio incentrato su due temi: le peculiarità del Gelato in-Forma e il Regolamento 1924/2006 e le indicazioni nutrizionali e sulla salute fornite dai prodotti alimentari.                      

Spaziando fra i vari gusti proposti si scopre che questi gelati e sorbetti sono non solo assai gradevoli al palato, ma sono particolarmente ricchi di benefici per l’organismo degli sportivi; del resto i Maestri non sono nuovi a questo tema perché già nel 2014 avevano preparato un gusto funzionale per gli sportivi.

A Sigep 2017 sono state presentate sia delle proposte di gelato/sorbetto come razione d’attesa pre-gara o allenamento sia delle proposte di gelato/sorbetto specifiche per il recupero post-allenamento. “Le  caratteristiche nutrizionali, spiega la dott.ssa De Sanctis, sono diverse. Intanto, il gelato è un alimento digeribile, e questo è un primo requisito importante per una razione d’attesa, il cui obiettivo è mantenere il fisico pronto per la gara senza affaticarlo in una complessa digestione. Il gelato e il sorbetto sono inoltre molto idratanti per la grande componente di acqua, e diventano remineralizzanti in potassio, utile a prevenire i crampi muscolari, se nelle ricette mettiamo frutta, verdura e ortaggi. Occorre però fare attenzione alla componente zuccherina: qui bisogna ridurre gli zuccheri (mono e disaccaridi) e privilegiare le maltodestrine o il fruttosio naturale della frutta o dolcificanti quali la stevia, bilanciando i solidi con la fibra, che riduce ulteriormente il carico glicemico complessivo.

Tali sono state le proposte dei Maestri Arnaldo Conforto con il suo gusto Delattosato, bilanciato all’11% di zuccheri grazie alla stevia, il sorbetto al Melograno a basso carico glicemico di Renzo Ongaro, e il gelato alla radice peruviana di Maca dalle proprietà toniche di Candida Pelizzoli, sfruttata anche dal collega Franco Di Benedetto per il suo sorbetto Fuerza Vital a base di melograno; il Km 42,195 di Maurizio Alessi, è invece un sorbetto a base di equiseto, un’erba remineralizzante. Citiamo infine il gusto Passion Sport di Piero Salomone a base albume dolcificato con datteri, banana e uva sultanina, quindi con prevalenza di fruttosio naturale della frutta, pochissimo saccarosio e semi di canapa e cioccolato che arricchiscono la preparazione di antiossidanti e sali minerali.

 

Seguici su: