GELATO GASTRONOMICO: 16 ANNI FA ALLA MIG DI LONGARONE

Ultimamente, In più occasioni e da più parti, viene dato risalto al gelato abbinato alla gastronomia  come fosse una novità. Recentemente la guida delle gelaterie edita da Gambero Rosso ha riservato anche un premio speciale  a gelatonewsquesto particolare gelato assegnato a Dario Rossi della gelateria Greed di Frascati. La cosa non è però così nuova. Nei primi anni ’70, Enzo Vannozzi, celebre maestro gelatiere di Viareggio, ebbe l’ardire di proporre un gelato, allora  rivoluzionario, di zucchine ed altri casi sono seguiti. Una scheda, sia pur sintetica, che offre un quadro interessante e esaustivo sul gelato gastronomico e sulle sue origini in tempi lontani è  quella proposta nel volume “Scienza e Tecnologia del Gelato Artigianale”  di Luca Caviezel (Chiriotti editori) dove Luciana Polliotti e Giancarlo Timballo, oltre ad evidenziare nomi, vicende ed eventi storici, sottolineano come “il gelato gastronomico o salato è un gelato concepito e studiato per l’alta gastronomia e dovrebbe essere servito sempre in aggiunta e/o completamento di un piatto di portata”. Una delle prime longaroneoccasioni in cui questo concetto è stato interpretato e messo in pratica fu alla MIG – Mostra Internazionale del Gelato Artigianale di Longarone nel 2001. Precisamente il 26 novembre, nella sede dell’ Istituto alberghiero “Dolomieu” di Longarone, venne organizzata una cena, rivolta a giornalisti ed esponenti del settore presenti in Fiera, dove il gelato costituiva il “piatto forte”.

Questo il menù proposto con gli abbinamenti ideati dal vice preside e chef Gianluigi Sandi con la collaborazione degli insegnanti della Scuola:

Aperitivi: Bruschette con gelato – Carpaccio autunnale con gelato alle pere
Risotto al radicchio – Gelato alla zucca in cialda di Parmigiano
Fagottino di zucchine Gelato all’olio d’oliva e pomodoro con profumo di basilico
Millefoglie di salmerino alpino – Gelato alla carota, agrumi e mango
Maialino al latte cotto nel fieno maggengo – Gelato al miele di castagna e mela
Nuova interpretazione di Sacher

Seguici su: