PROPOSTA DI LEGGE SUL GELATO: I PRIMI COMMENTI

Come c’era da aspettarselo la notizia di una nuova proposta di legge finalizzata a mettere un po’ di regole sul gelato artigianale ha scatenato tanti commenti. Basta andare su facebook, in particolare sulla pagina del gruppo “Gli Amici del Gelato Artigianale” per rendersene conto. D’altro canto l’argomento è molto sentito tra gli addetti ai lavori ma, tenuto conto che questa attività si svolge in modi anche molto diversi tra loro (prova ne sia che, proprio per le diverse modalità con le quali viene esercitata, non si conosce neanche il numero preciso: qualcuno dice ci siano 20.000 gelaterie ma altri addirittura oltre 40.000) i giudizi sono contrastanti. Però c’è un dato di fatto, tantissimi gelatieri artigiani, in diverse occasioni, continuano a reclamare una normativa che metta delle regole però, come afferma Loris Molin Pradel – già presidente nazionale dei gelatieri di Confartigianato – “se poi la legge non ricalca esattamente i propri “desideri” e non calza alla perfezione come un muta da sub allora partono mille distinguo”.  Dopo altri tentativi che si sono arenati, come quelli della senatrice De Petris, oltre a tante aspettative c’è qualche scetticismo in quanto, come commenta su facebook, Fabio Pompei, “ci ritroviamo per l’ennesima volta avanti a qualcuno che tenta di regolamentare un settore così spinoso e controverso sia nelle opinioni che negli interessi a tal punto che non si arriverà nemmeno questa volta da nessuna parte. Una regolamentazione ci vuole ed è giusto che ci sia ma chi ha ragione di dire ciò che è giusto fare e chi no?? Ognuno degli esperti del settore vuole dire la propria e spesso tra loro c’è chi lo fa non tanto per dare un contributo fattivo ma solo per tutelare i propri interessi economici”.  Vedremo come va a finire. Un fatto però è certo, non siamo di fronte a chiacchiere da bar, ma ad un documento ufficiale come una proposta di legge, un segnale che attorno a queste tematiche c’è un crescente interesse, che va colto con la dovuta attenzione. Se tra i gelatieri artigiani c’è effettivamente la concreta volontà di giungere ad un risultato questa è un’occasione, anche avanzando proposte e osservazioni attraverso le proprie Associazioni di categoria, cosa auspicata dallo stesso proponente, on. Giuseppe L’Abbate, per migliorare il testo. Infine un particolare, la proposta di legge in oggetto, non riguarda il gelato artigianale in generale ma “il gelato artigianale di alta qualità”, è quindi una scelta che ognuno può fare o meno.

Seguici su: