I GELATIERI ALLE PRESE CON COVID ANCHE IN GERMANIA

Anche in Germania i gelatieri stanno vivendo i gravi problemi dovuti all’emergenza Covid–19. Le misure di contenimento adottate nella Repubblica Federale sono, grosso modo, le stesse alle quali devono sottostare i gelatieri italiani ma, come gelatosottolineava il presidente di UNITEIS (Associazione dei Gelatieri Artigiani Italiani in Germania), Dario Olivier, “Ogni Länder ha emesso delle ordinanze spesso diverse per cui alcune gelaterie non possono dare nessun servizio, chiusura totale, come nell’Assia, altre possono aprire solo per asporto fino alle ore 15, altre fino alle ore 18 e possono consegnare a domicilio. Altre possono solamente fare consegne a domicilio senza la vendita in gelateria. Questo dipende dal fatto che ogni singolo Comune decide in autonomia e può benissimo succedere che a distanza di 2 o 3 chilometri si abbiano direttive differenti”. UNITEIS fin dall’inizio dei contagi ha tenuto costantemente informati gli associati sui diversi provvedimenti, dalle direttive sul comportamento da mantenere per ridurre il rischio di contagio a quelli riguardanti gli strumenti finanziari disposti dallo Stato per alleviare la crisi, alle opzioni per gestire al meglio il personale. In questo periodo l’associazione ha inviato ben 24 comunicati dedicati al coronavirus! Dove ci sono maggiori restrizioni sono anche stati avviati contatti con le autorità per sottolineare le necessità delle gelaterie. Come avvenuto in gelato artigianaleItalia, dopo un primo momento di incertezza sul da farsi, molti gelatieri hanno cercato di adattarsi mettendo in atto attività di consegna a domicilio o, dove possibile, di prenotazione per il ritiro del gelato direttamente in gelateria con tutte le precauzioni (distanze, ecc.) del caso. Il tutto sembra stia funzionando abbastanza bene. A questo proposito ha riscosso un certo successo l’iniziativa messa in atto dall’azienda bellunese Creative Menù che ha concesso un utilizzo completamente gratuito per tre mesi, senza obbligo di rinnovo, della propria APP per la gestione delle consegne a domicilio e per l’acquisizione di ordini da casa. L’ App,oltre che per il settore della ristorazione (gelaterie, bar e pizzerie), può essere impiegata anche in altri settori commerciali come ad esempio panetterie, alimentari, o altro. Il sistema permette il pagamento elettronico anticipato tramite PayPal. La consegna quindi può avvenire anche senza scambio di denaro contante tra il fattorino, inoltre lo stesso cliente può indicare la fascia oraria precisa nella quale passerà a ritirare il suo ordine ed evitare così gli assembramenti di persone.

NOTA aggiunta il 18 aprile: il Presidente di Uniteis, Dario Olivier, informa che, a seguito della richiesta di Uniteis,  nella giornata di ieri anche il Land Hessen (Assia)  ha permesso la vendita per asporto alle gelaterie della Regione.